Benvenuti nel sito della frazione di Vecchietto

 

Comune di Aulla 

Provincia di Massa Carrara

Regione Toscana

 

 

 

 

La storia

Vecchietto, storicamente, non sisa quando sia sorto, forse e' indicato nel Codice Palavicino in un documento del 1223, ove si accenna ad una "Serra de Vecheto", ma la cosa non e' sicura, poiche' lo stesso Codice parla poi di piu' volte di Vecchieda, che e' una localita' sottostante il castello di Ponzanello.

Gli anziani del paese, interpellati sulla sua origine, hanno fornito due diverse versioni.

- La prima versione, che presenta un fondo comune ad altre leggende della nostra valle, narra del Padreterno che cammina sui monti con un cavagno bucato e mentre va in giro a dare i nomi ai paesi, perde dal buco del cavagno il nome Vecchietto. Questo nome rotola giu' dai monti  e si ferma a questo insieme di case. Quindi il Padreterno non avrebbe dato direttamente il nome al paese, ma la leggenda vuole che, accorgendosi infine di esso, abbia detto:"Fate come volete, siete benedetti lo stesso!". Forse la leggenda deriva dal fatto che la posizione del paese e' particolare, sparsa in mezzo ai monti.

. La seconda versione parla di un vecchietto che, pur di fuggire alla tirannia dei Marchesi di Bibola, si sarebbe nascosto in questi luoghi, in mezzo ai boschi e una volta passato il pericolo, qui sarebbe rimasto ed avrebbe dato origine al paese; e i vecchi del paese, ancora oggi, indicano qual e' la prima casa costruita da questo leggendario fuggiasco.

Di certo Vecchietto nacque come dipendenza del castello di Bibola, di cui divenne la "VILLA" per eccellenza, tanto che ancora oggi gli abitanti di Vecchietto si dicono semplicemente abitanti della "Villa".

Quindi poiche' anche Gorasco e Bardine, furono ville di Bibola, si deve pensare che Vecchietto fosse o la piu' importante o la prima a costruirsi.

Storicamente il paese segui' le vicende di Bibola che nel 1543, con Aulla e Montedivalli, passo' dai Malaspina ai Centurioni di Genova. Ma, nel 1710, dichiarato decaduto dai possedimenti feudali Luigi Centurione, Aulla, Montedivalli, Vecchietto e Gorasco furono messi all'asta e tornarono nel 1714-16 ai Marchesi Malaspina per rimanervi fino alla soppressione dei feudi nel 1797.

La soggezione di Vecchietto a Bibola non deve essere stata sempre pacifica, tanto che ancora oggi tra i due paesi esiste una bonaria rivalita'.

 

 

 

 

Vecchietto.it

e' partner e sostenitore di

 amicidicosimo.it

Amici di Cosimo

 

 

Gruppo su Facebook:

i coreani della Villa!!

Gruppo Vecchietto City

 

Una donazione per Aulla

 

 

 

 

 

Un ringraziamento particolare al Sito Web-Link

Web-Link

 

  clicca qui per avere questo sito come pagina iniziale
 Aggiungimi ai tuoi Preferiti 

 

Questa pagina e' esclusiva proprieta' di fraz. di Vecchietto www.vecchietto.it  2008 ~ 2016
Vietata la copia e la distribuzione, anche parziale, senza la previa autorizzazione scritta.

 

eXTReMe Tracker